Una panoramica tra i servizi Google per controllare lo Smartphone dei figli tramite l’app Family link.

Al giorno d’oggi i nostri figli, per moda o per necessità, ricevono il cellulare in età sempre più giovane, vediamo allora come controllare lo Smartphone dei figli.

Partiamo subito con il dire che il controllo dello Smartphone di cui parlerò in questo articolo non invade la privacy del bambino o adolescente.

Si limita a gestire i tempi di utilizzo, l’installazione delle app e alcune funzioni come ad esempio la geolocalizzazione.

L’app di cui ti parlo oggi è Google Family link, un app che installata sia sullo Smartphone del figlio che su quello del genitore consente a quest’ultimo di gestire il cellulare del bambino / ragazzo.

La prima operazione da fare è quella di creare un nuovo account Google sullo Smartphone del figlio avendo cura di selezionare la scelta “crea un account per mio figlio”.

In questo modo al termine della procedura Google ci chiederà di collegare all’account appena creato un account di un genitore (che supervisionerà l’account del figlio).

A questo punto l’attività sullo Smartphone del figlio è terminata, si passa invece allo Smartphone del genitore che dovrà scaricare ed installare l’app Google Family link.

Dopo l’installazione avviando Family link potrai vedere gli appartenenti al tuo gruppo famiglia (tuo figlio) ed aggiungere altri amministratori (l’altro genitore) o altri figli.

Per ogni account figlio protrai visualizzare ed impostare:

  • i dispositivi collegati
  • i tempi di utilizzo dello Smartphone e delle singole app
  • le app installate
  • la posizione geolocalizzata
  • gli orari di blocco dei dispositivi

Una delle cose più interessanti è l’installazione delle app da parte del figlio. Quando vuole installare qualche app, infatti, recandosi nel play store e cliccando su “installa” potrà sceglie tra 2 possibilità:

  • richiedi adesso (per installare direttamente inserendo la password dell’account genitore, in questo caso l’operazione la compie il genitore sullo Smartphone del figlio)
  • richiedi con messaggio (per inviare una notifica sollo Smartphone del genitore che dovrà approvare o negare l’installazione, se approvata dal genitore il download si avvierà immediatamente)

Questo è un ottimo modo per avere sotto controllo quali app scarica ed utilizza il figlio.

Altra funzione molto interessante è la possibilità di bloccare lo Smartphone del figlio secondo una programmazione settimanale, giornaliera o in qualsiasi momento si voglia.

Il blocco è utile per insegnare al figlio il numero massimo di ore che si può utilizzare uno Smartphone durante il giorno.

A proposito del blocco si può limitare l’utilizzo anche delle singole app, per evitare che il figlio passi troppe ore con la stessa app (magari social come WhatsApp o TikTok).

Il tipo di controllo che può essere fatto con questa app di Google è sicuramente valido ma non esaustivo perché ci sono altri accorgimenti che bisogna prendere quando si da uno Smartphone ad un minorenne.

Infatti Google si limita a controllare le impostazioni dello Smartphone ed applicare alcuni filtri sulle sue app (Youtube, Chrome) per cercare di evitare contenuti inappropriati.

Il mio consiglio è di utilizzare Google Family link per gestire lo Smartphone e monitorarne la posizione, aggiungendo poi dei filtri su Rubrica, chiamate in ingresso ed uscita e sulle app più “pericolose” per evitare contatti indesiderati.

Ricordo infine che va rispettata la privacy, come stabilito dalle normative europee, del minorenne che ha più di 14 anni, anche da parte del genitore.

Per questo motivo SCONSIGLIO l’installazione di app SPY che permettono di leggere i messaggi o ascoltare le conversazioni telefoniche.

Continua a seguirmi anche su Facebook e Telegram