Come gestire tutte le password senza dimenticarle

Ormai viviamo in un mondo dove ti chiedono di inserire password ovunque. In quest’articolo ti parlerò di un app che serve a gestire tutte le password.

L’app che voglio presentarti si chiama Keepass ed esiste sia in versione per PC che per Smartphone.

Il suo funzionamento è molto semplice. Ti permette di creare un database con tutte le tue password e di renderlo criptato in modo che nessuno possa aprirlo.

Ti descrivo subito come funziona. Inizia con la creazione di un nuovo database che chiamerai come preferisci (per esempio credenziali.kdb).

Imposta una password (l’unica che d’ora in poi dovrai ricordare) per il tuo database e comincia a popolarlo.

Cliccando su aggiungi voce puoi inserire un set di credenziali (ad esempio puoi creare la voce Google in cui andrai a registrare username e password del tuo account Google).

Se invece selezioni aggiungi gruppo puoi creare un gruppo di voci (ad esempio nel gruppo email puoi inserire tutte le voci riferite ai tuoi account email).

Quindi ogni voce contiene una password e ogni gruppo può contenere più voci.

Non appena avrai chiara la struttura del tuo database potrai spostare le singole voci da un gruppo all’altro semplicemente trascinandole.

Un’altra impostazione interessante che puoi effettuare per ogni voce è la possibilità di assegnare una scadenza (cliccando il tasto a forma di orologio in basso a destra) in modo che al raggiungimento di una certa data Keepass ti ricorderà di cambiare la password scaduta.

Nel campo note di ogni voce puoi specificare tutte quelle informazioni che ritieni opportune.

Ora che hai compilato il tuo database mettilo subito alla prova per vedere come funziona.

All’inizio ti ho detto che esiste sia per PC che per Smartphone, adesso ti illustrerò le differenze tra le due versioni.

Immagina di essere su una pagina internet che ti chiede di inserire le tue credenziali, ti basta aprire il tuo database credenziali.kdb e trascinare username e password direttamente dalla finestra di Keepass alla pagina internet.

Il funzionamento è simile anche sullo Smartphone, infatti una volta aperto il tuo database ti basta selezionare la voce che ti interessa per veder apparire nella barra notifiche (parte alta dello schermo) 2 voci username e password.

Selezionando una delle notifiche il tuo Smartphone copia il contenuto e ti consente di incollarlo nel sito che ti ha chiesto l’autenticazione.

Come vedi il funzionamento è molto semplice e poi in questo modo ti basta ricordare una sola password per aprire il database e trovare tutte quelle che hai memorizzato.

Un altro aspetto molto importate di questo sistema di archiviazione delle password è che sfruttando la sincronizzazione di Google Drive puoi avere un unico database consultabile da qualsiasi dispositivo.

Se non sai come archiviare i tuoi file in Google Drive leggi questo articolo, ti servirà.

Infatti se salvi il tuo database in Google Drive ogni modifica effettuata dal PC sarà immediatamente disponibile anche sullo Smartphone e viceversa.

Adesso che sai come gestire le tue password devi solo ricordarti di aggiornare il tuo database ogni volta che ti registri su un sito.

Inviami i tuoi commenti all’articolo e per restare sempre aggiornato continua a seguirmi.