Continuiamo la familiarizzazione con Home Assistant parlando di interruttori virtuali o input boolean e del loro utilizzo

Oggi proseguiamo il nostro viaggio tra le funzioni di Home Assistant soffermandoci in particolare sugli interruttori virtuali o input boolean.

Finora abbiamo configurato il sistema, aggiunto qualche dispositivo wifi e di recente iniziato a popolare la nostra rete Zigbee.

Adesso è arrivato il momento di approfondire la conoscenza di alcuni componenti che nonostante la semplicità di funzionamento permettono di creare automazioni complesse.

In particolare Home Assistant fornisce una serie di componenti disponibili tra le impostazioni alla voce “aiutanti” che come dice il nome stesso servono ad aiutare la realizzazione di automazioni.

Quello di cui parliamo oggi è denominato “input booelan” e dobbiamo immaginarlo come un interruttore virtuale con 2 possibili station” e “off” e altre caratteristiche che adesso vedremo.

Per creare un input boolean è sufficiente recarsi in impostazioni è aiutanti è input boolean e cliccare su crea (in basso a destra).

Compilando i vari campi proposti da Home Assistant potrai definire:

  • nome dell’interruttore virtuale
  • stato iniziale (opzionale)
  • icona

Ma a cosa può servire un input boolean?

La risposta è semplice ma soprattutto soggettiva. Ognuno di noi saprà utilizzare il componente al momento opportuno per gestire delle automazioni.

Proviamo comunque a fare un esempio per rendere più chiaro il possibile impiego di questo strumento.

Ricordi quando abbiamo parlato di scene e ne abbiamo creata una basata sull’accensione del PC nello studio?

In quell’occasione abbiamo utilizzato come trigger la presenza di una persona nello studio e la concomitante accensione del PC.

Se volessimo utilizzare l’input boolean in questa situazione potresti creare un interruttore virtuale chiamato “studio_PC”.

L’interruttore ti può essere utile come “promemoria” in quanto, se visualizzato nella tua plancia di Home Assistant ti permette di capire subito, a colpo d’occhio, quale scena è attiva.

Un caso del genere presuppone che nell’automazione tu vada ad inserire l’input booelan tra le azioni (input_boolean.turn_on) in modo da far accendere l’interruttore quando si attiva la scena.

Analogamente nell’automazione che attiva la scena “non al PC” dovrai inserire l’input boolean tra le azioni (input_boolean.turn_off) in modo che si spenga.

Visto così potresti non apprezzare l’utilizzo di questo componente ma ti assicuro che se inizi a sperimentarne l’impiego non potrai più farne a meno.

Il motivo è semplice, riesci ad associare interruttori virtuali a qualsiasi stato di un dispositivo o entità e da li puoi creare automazioni, scene o script senza alcun limite.

Nei prossimi articoli torneremo a parlare di input boolean e di come sfruttarli anche considerando altri dispositivi che aggiungeremo prossimamente alla nostra casa domotica.

Continua a seguirmi anche su Facebook e Telegram