La cassetta postale diventa Smart, la classica buca delle lettere con cui gli italiani trasmettono la loro corrispondenza cartacea si aggiorna.

A circa 60 anni di età la cassetta postale si adegua ai tempi e diventa Smart.

La versione che vediamo in giro per le nostre città, quella rossa con una o due feritoie, è stata installata negli anni ’60.

Ma la cassetta postale è molto più anziana, già nel 1886 ne esistevano circa 100 esemplari collocati nelle stazioni ferroviarie principali del Regno d’Italia.

Ad inizio ‘900 erano molte di più, circa 20000 fisse e 7000 mobili utilizzate sui treni, tram e alberghi.

Dopo il referendum del 1946 da tutte le cassette furono rimosse gli emblemi del Regno d’Italia per sostituirlo con quello della Repubblica Italiana.

Negli anni a seguire furono introdotti vari modelli, da quelli agganciati alle fiancate dei mezzi pubblici a quelle con due feritoie per separare la posta diretta in città da quella destinata altrove.

Fino ad arrivare ad oggi, con la versione Smart delle cassette postali. Le prime sono state installate a Milano in pieno centro ma entro fine anno ne arriveranno altre anche a Torino, Roma e Napoli.

Nel 2022 ci saranno su tutto il territorio italiano 12000 cassette postali Smart che si affiancheranno alle 40000 tradizionali già presenti che verranno modernizzate con delle modifiche strutturali che le renderanno più Smart.

Ma esattamente in cosa consiste una cassetta postale Smart?

Oltre ad avere le classiche feritoie per l’introduzione della corrispondenza, sulla parte frontale della cassetta è presente uno schermo ad “e-ink” simile a quello degli “e-reader”.

Su questo schermo i cittadini potranno leggere informazioni di vario genere:

  • temperatura
  • umidità
  • quantità di polveri sottili
  • previsioni metereologiche
  • informazioni sul Comune

Le cassette Smart sono dotate di sensori che rilevano la presenza di corrispondenza al loro interno.

In questo modo Poste Italiane può ottimizzare il ritiro della corrispondenza con un grande risparmio di tempo ed un occhio di riguardo all’ambiente.

Continua a seguirmi anche su Facebook e Telegram