Panoramica delle novità per Android Auto annunciate da Google che vedremo in Italia a partire dal prossimo autunno

Negli ultimi giorni Google ha annunciato una serie di novità per Android Auto che sicuramente renderanno ancora più completa l’integrazione con le nostre auto.

Già da qualche mese ormai Google ha trasformato la sua app Android Auto per telefoni cellulari nella più moderna e funzionale “modalità alla guida”.

In pratica a partire da Android 10 non è più necessario scaricare l’app di Android Auto in quanto la stessa è nativamente integrata nel sistema sotto il nome di modalità alla guida.

La modalità alla guida si attiva automaticamente nel momento in cui Google rileva che lo Smartphone è in movimento in auto.

La prima cosa che si nota con questa nuova modalità è la possibilità di avere l’Assistente di Google sempre disponibile tramite tasto dedicato sullo schermo.

Molto interessante anche la possibilità di ricevere notifiche circa l’arrivo di nuovi messaggi (Whatsapp, Telegram o SMS) e di farli leggere all’assistente.

Lo scopo è ovviamente quello di non far staccare le mani dal volante e per questo motivo tutte le funzioni, compresa la lettura dei messaggio, si attivano tramite comandi vocali.

Ma veniamo ora alle novità annunciate da Google.

La prima funzionalità molto gradita da chi utilizza l’auto per lavoro, è il supporto ai “profili lavoro” già da tempo disponibile per Smartphone e che ora arriva anche sull’auto.

In pratica c’è la possibilità di tenere separate app, dati, appuntamenti di lavoro da quelli personali rendendo più semplice la gestione della vita privata e di quella lavorativa anche dallo schermo dell’auto.

Altra novità è rappresentata dal supporto al DUAL SIM che permette anche in fase di avvio di una chiamata dall’auto di scegliere quale SIM utilizzare.

Nelle prossime versioni di Android Auto verranno inseriti anche dei giochi che renderanno l’utilizzo del sistema più divertente.

Ovviamente nel rispetto delle norme di sicurezza i giochi saranno disponibili solo ad auto ferma (quando è parcheggiata o quando è alla stazione di ricarica).

Ultima novità (che inizialmente sarà disponibile solo negli USA) è la possibilità di effettuare il pagamento dei rifornimenti direttamente tramite l’assistente vocale che utilizzerà i dati della carta di credito associata a Google Pay.

Funzione decisamente interessante che speriamo arrivi presto anche in Italia.

Continua a seguirmi anche su Facebook e Telegram