Introduzione all’utilizzo delle plance in Lovelace, molto utile per personalizzare l’app per gestire la domotica

Finora abbiamo sempre parlato di programmare, integrare e automatizzare i dispositivi connessi con Home Assistant, ora è arrivato il momento di personalizzare l’app per gestire la domotica.

Leggendo il titolo penserai che andiamo ad operare sull’app di Home Assistant per configurare chissà quali parametri.

Invece quello che tratteremo oggi è la gestione delle plance direttamente su Home Assistant in modo da definire cosa vedere sull’app e da parte di chi.

Procediamo con ordine.

La prima cosa da fare è avere chiaro in mente quale device dovrà accedere (tramite app di Home Assistant) al nostro server.

Se ad esempio stiamo creando la plancia per un tablet cercheremo di gestire le schede in orizzontale mentre se l’app dovrà essere utilizzata su uno Smartphone allora ragioniamo in verticale.

Le plance che possiamo definire sono infinite ma non credo sia opportuno crearne troppe in considerazione del fatto che poi vanno gestite singolarmente.

Dopo aver deciso quale dispositivo utilizzerà questa plancia è importante anche creare un utente dedicato.

L’utente avrà la visibilità di questa plancia e non di altre, così da evitare di esporre impostazioni, sensori e altre notizie che non vogliamo condividere.

Per creare l’utente andremo in impostazioni è utenti, mentre per creare le plance il percorso sarà impostazioni è plance.

Quando crei una plancia il sistema ti chiede se vuoi controllarla tu o lasciargliela in gestione la differenza consiste nel contenuto.

Una plancia gestita da Home Assistant verrà popolata con tutte le entità e i dispositivi presenti nel sistema.

Mentre una plancia gestita da te sarà completamente personalizzata nell’aspetto e nel contenuto.

La cosa molto interessante è la personalizzazione di ogni singolo pulsante o entità o grafico direttamente dall’interfaccia web, quindi riducendo al minino la necessità di scrivere codice.

In una plancia potrai inserire tutte le schede che vuoi, anche qui vale il consiglio di prima, definisci chi deve vedere cosa e poi inizia a progettare.

Per aggiungere una scheda (o card) basta aprire il menu contestuale in alto a destra (i 3 puntini) e abilitare la modifica, dopodiché clicca su aggiungi nuova scheda.

Tra le card disponibili quella che preferisco è la griglia perché ti permette di definire una griglia che al suo interno potrà contenere altre schede.

Il massimo si ottiene con le griglie nidificate, ovvero griglie al cui interno ci sono altre griglie, in questo modo potrai definire e personalizzare una quantità enorme di combinazioni.

Per ogni griglia si definisce il numero di colonne e per ogni “quadrato della griglia” va definito il tipo di scheda.

Se ad esempio vuoi creare una scheda che contenga in alto le previsioni del tempo e subito sotto 2 pulsanti affiancati (magari per le tende da sole e per l’irrigazione) procedi così:

nuova scheda griglia (colonne 1):

  Nuova griglia (colonne 1) è scheda previsioni del tempo

  Nuova griglia (colonne 2):

    Colonna 1 è scheda pulsante (per le tende)

    Colonna 2 è scheda pulsante (per l’irrigazione)

L’apparente complessità della creazione scomparirà quando inizi a progettare, infatti è molto utile l’anteprima in tempo reale che ti mostra cosa stai realizzando.

Nei prossimi articoli tratteremo in modo più dettagliato le varie tipologie di schede disponibili in Home Assistant e faremo qualche esempio di utilizzo.

Continua a seguirmi anche su Facebook e Telegram