Una panoramica sulle varie piattaforme che permettono di effettuare videochiamate, quale scegliere? Dipende soprattutto dalla finalità della videochiamata.

Negli ultimi tempi ognuno di noi si sarà chiesto almeno una volta quale piattaforma scegliere per le videochiamate.

Le videochiamate, che fino a qualche anno fa venivano vendute dai gestori telefonici a prezzi sconsiderati, sono oggi alla portata di chiunque abbia una connessione internet.

Ormai con qualsiasi servizio di messaggistica è possibile effettuare videochiamate di buona qualità.

Tra i più conosciuti sistemi di videochiamata troviamo Whatsapp, Telegram, Google Duo e Google Meet, Zoom, ma anche Facebook e Instagram.

Sono sicuro che ti è capitato più di qualche volta di partecipare a videochiamate anche in più persone utilizzando Whatsapp, quindi non mi dilungherò a parlarti di un sistema che già conosci.

In questo articolo, preferisco parlarti di Google Duo e Google Meet due strumenti simili anche se pensati per tipologie differenti di pubblico.

Google Duo è l’app di videochiamata di Google che ha sostituito Google Hangouts.

Forse non hai mai sentito parlare di queste app perché in Italia sono poco utilizzate eppure posso garantirti per esperienza personale che quando le videochiamate di Whatsapp erano ancora acerbe e piene di blocchi quelle fatte con Hangouts funzionavano già alla perfezione.

Come ti ho già detto sia Duo che Meet sono simili ma rivolte a un pubblico differente.

Infatti Duo è l’app per le videochiamate più informali, quelle con gli amici o familiari. Ovviamente se decidi di utilizzarla quasi sicuramente dovrai convincere i tuoi interlocutori ad installarla sul proprio Smartphone.

L’app ti permette di effettuare videochiamate con i tuoi contatti, puoi usare dei filtri o degli effetti e, utilizzando il tuo account Google, puoi anche disegnare sullo schermo in tempo reale.

Quest’ultima modalità, chiamata modalità famiglia, permette a te ed ai tuoi interlocutori (massimo 32) di condividere una specie di lavagna su cui scrivere o disegnare.

Le principali caratteristiche di Duo sono:

  • la possibilità di essere contattati o tramite telefono o tramite email (quindi non sei obbligato a fornire il tuo numero di cellulare)
  • la possibilità di effettuare videochiamate di gruppo fino a 32 partecipanti
  • la possibilità di utilizzare l’app con Smartphone, Tablet, iPhone, Android TV, Google Nest Hub e Web

Sull’ultimo punto potrei scrivere un’enciclopedia, ma mi limito a dirti che con Duo le tue videochiamate non hanno confini.

In che senso?

Puoi effettuarle con la tua Smart TV, puoi farle da PC o ancora avviarle sugli smart display (come il Google Nest Hub).

Prossimamente dedicherò un articolo agli smart display di Google che insieme alle Android TV costituiscono un’esperienza multimediale senza paragoni.

Tornando alle videochiamate vorrei parlarti anche di Google Meet.

Meet è un servizio di videoriunioni nato inizialmente per le aziende ed esteso poi a tutti gli account Google durante il primo trimestre del 2020.

Molti di noi hanno conosciuto Meet con l’avvio della Didattica a Distanza (DaD) quando molte scuole italiane hanno adottato la piattaforma per continuare l’azione formativa da remoto durante la Pandemia.

Tra le principali caratteristiche di Meet troviamo:

  • possibilità di effettuare videoriunioni fino a 250 partecipanti
  • sottotitoli in tempo reale
  • integrazione in Google Calendar
  • possibilità di condivisione schermo e presentazioni
  • integrazione con Chromecast per la trasmissione su Android TV

Come vedi chiaramente dalla panoramica delle funzionalità, Meet è un’app molto completa che ha il vantaggio di integrarsi con l’ecosistema di Google e per questo ha qualcosa in più che la pone più in alto delle altre.

Qualche esempio?

Quando crei un evento con il tuo Google Calendar (te ne ho parlato qui) viene aggiunto automaticamente un link Meet, gli invitati all’evento potranno raggiungerti in videoriunione con un click.

Quando utilizzi Meet, sia da PC che da Smartphone, puoi condividere con i partecipanti uno specifico contenuto (come ad esempio una presentazione) o tutto lo schermo.

Se vuoi assistere alla videoriunione dalla tua Smart TV basta trasmettere la scheda di Crhome dal PC a Chromecast (se non sai cos’è Chromecast trovi una breve guida qui).

In conclusione, senza nulla togliere alle altre piattaforme di cui ho solo accennato all’inizio, credo che Duo e Meet siano dei concorrenti di altissimo livello, con tutte le caratteristiche per diventare le tue app preferite per le videochiamate.

Spero di aver stuzzicato la tua curiosità nei confronti di queste app, raccontamelo nei commenti.