Una breve guida per descrivere quante cose puoi fare davvero con Google Maps, condividere la posizione, ricordare dove hai parcheggiato e tanto altro.

In questo articolo vorrei provare a rispondere alla domanda:

quante cose puoi fare davvero con Google Maps?

Inizio subito con una certezza: quello che si può fare oggi con Google Maps sarà sicuramente diverso da quello che si potrà fare domani, questo perché è un servizio in continua evoluzione.

Sicuramente molti di voi hanno utilizzato Maps almeno una volta e si sono accorti che non è solo una cartografia completa e dettagliata ma anche un agglomerato di funzioni e servizi.

Maps è molto utile come navigatore soprattutto negli ultimi mesi dopo che sono stati aggiunti autovelox semafori e limiti di velocità.

In pratica prendere una multa mentre si naviga con Google Maps è davvero difficile.

Una caratteristica di Maps è che funziona in multipiattaforma, quindi se colleghi il tuo account sul PC e cerchi un indirizzo puoi facilmente trasmetterlo al tuo Smartphone per utilizzarlo come destinazione.

Inoltre attivando la cronologia della posizione sul tuo account Google avrai la possibilità di visualizzare le mappe di tutti percorsi che effettui con una precisione eccellente.

Maps ti mostra gli spostamenti differenziando anche il mezzo utilizzato (a piedi, in auto, in bici, in treno, ecc,) e inoltre ti consente di ricercare nella tua cronologia per città, per area o per data.

Un’altra interessante funzione è la condivisione della posizione.

Se decidi di attivarla puoi condividere la tua posizione con i contatti che preferisci. La persona con cui condividi la posizione aprendo Maps può in qualsiasi momento vedere dove sei.

È una funzione decisamente utile (se vuoi assicurarti della posizione di tuo figlio e se desideri consentire a qualcuno di raggiungerti senza fornirgli l’indirizzo).

Se hai aggiunto ai tuoi contatti il campo indirizzo (te ne ho parlato qui) potrai avviare la navigazione verso il contatto semplicemente cercandolo su Maps.

Quando parcheggi l’auto prova a dire al tuo Smartphone: “OK Google, ho parcheggiato qui”.

L’Assistente di Google memorizzerà la tua posizione e tu potrai facilmente ritrovare l’auto anche in parcheggi molto grandi.

Inoltre su Maps hai sempre la situazione aggiornata del traffico e, se decidi di programmare un itinerario che prevede spostamenti con mezzi pubblici, l’App ti fornisce anche gli orari e il numero della linea da prendere.

Attraverso il sito Google My Maps puoi creare le tue mappe, strumento molto utile se vuoi creare le indicazione per arrivare ad una festa o definire un itinerario attraverso dei punti (segnaposti) che ritieni interessanti da visitare.

Le mappe create da te possono essere condivise con chi vuoi e addirittura puoi inserire commenti e segni grafici per personalizzarle totalmente.

Attraverso l’App e anche tramite PC Google Maps ti permette di misurare la distanza tra due punti e inoltre se ne hai la necessità puoi anche visualizzare le coordinate geografiche del punto selezionato.

Ma come ti dicevo in apertura Maps non è solo cartografia e navigatore.

Ci sono tanti altri modi per sfruttare Google Maps, ad esempio esplorando la zona in cui ti trovi alla ricerca di servizi (ristoranti, bar, banche, farmacie).

Per ogni attività ricercata troverai una miriade di informazioni. Telefono, sito web, foto, recensioni e per alcune categorie (Hotel, ristoranti, centri estetici, ecc,) potrai effettuare una prenotazione.

Se invece ti trovi presso un monumento o un’attrazione turistica, Maps ti proporrà delle schede con le informazioni per visitarlo e le notizie storiche che lo riguardano.

Infine Google mette a disposizione diversi strumenti per migliorare Maps.

È possibile infatti scrivere recensioni sui posti visitati, segnalare degli errori circa la posizione o gli orari di determinati luoghi e aggiungere foto che andranno a contribuire al buon funzionamento di Maps.

Maggiore sarà il numero di contributi che fornisci e più salirai di livello come Local Guide.

In qualità di Local Guide potrai partecipare a meeting ed eventi insieme ad altre Local Guide per scambiare opinioni su come migliorare il servizio.

Tra l’altro gli utenti di Maps possono seguirti come Local Guide ed ecco che diventi un Influencer suggerendo di vistare un posto piuttosto che un altro.

Come vedi le cose che puoi fare davvero con Google Maps sono tante e saranno sempre di più grazie al lavoro di tutti coloro che contribuiscono a migliorarlo.

E tu come utilizzi Maps? Raccontamelo nei commenti.