Breve panoramica di Windows 11 un sistema operativo ricco di novità che dal 2022 sarà disponibile gratuitamente

Oggi parliamo di Windows 11 un sistema operativo ricco di novità che dal 2022 sarà disponibile per tutti e gratuitamente.

Microsoft negli anni ci ha abituato ai cambi di sistema operativo passando da alcuni flop clamorosi come Windows 2000 e Windows Vista a dei veri capolavori come Windows XP, 7 e poi 10.

La novità del momento è Windows 11 che è stato presentato ufficialmente da qualche giorno ma di cui è già disponibile una versione “prova”.

Gli iscritti ai programmi di test avranno potuto già visualizzare le novità di questo sistema operativo, ma per chi non ne è a conoscenza facciamo una breve descrizione.

Il nuovo sistema parte da una completa rivisitazione grafica rispetto al predecessore con finestre dagli angoli arrotondati a layout pulito ed essenziale.

Non mancano nuovi suoni di sistema e set di icone e temi dedicati, l’esplora risorse ed il centro notifiche sono stati totalmente ridisegnati.

La grafica di Windows 11 sarà in grado di adattarsi agli schermi sia tradizionali che touch introducendo una modalità tablet automatica che rende l’esperienza d’uso molto più fluida.

Il menù start cambia posizione e si sposta al centro (ma può essere comunque riposizionato a sinistra), anche in questo caso la riprogrammazione ha reso il tutto molto accattivante.

All’interno del menù start troviamo una sezione consigli in cui visualizzare le app usate di recente e poi arriva la sezione widget completamente personalizzabile.

È stato migliorato il multitasking, quindi lavorando su più schermi si potranno disporre i programmi secondo le proprie esigenze senza alcun vincolo.

Staccando un monitor automaticamente le finestre si riorganizzeranno per essere visualizzate negli altri schermi.

Per quanto riguarda la connettività ora le app di Microsoft Teams sono disponibili nativamente sul sistema operativo, ogni PC è pertanto subito pronto ad effettuare videochiamate e riunioni.

Una delle novità più interessanti riguarda la possibilità di installare su Windows 11, oltre alle tradizionali app di Microsoft, anche le app Android.

Questa scelta di Microsoft permetterà di accedere direttamente allo store di Amazon per scaricare ed installare le app disponibili.

È stato scelto lo store di Amazon e non il Play Store di Google per motivi legati ai controlli sulle app effettuati dai due colossi americani.

La cosa è davvero molto interessante se pensiamo a tutte le app che spesso non hanno una controparte su PC e pertanto diventano difficili da gestire solo su Smartphone.

Da questa versione invece ci sarà una maggiore integrazione e continuità tra il lavoro effettuato su dispositivi mobili e quello su PC grazie proprio alla possibilità di accedere all’app store.

Per quanto riguarda download ed installazione di Windows 11, Microsoft lo renderà disponibile sotto forma di aggiornamento gratuito per gli utenti di Windows 10 (e probabilmente anche di 7).

I requisiti non sono difficili da soddisfare se si possiede un PC abbastanza recente (2 o 3 anni al massimo), tuttavia è necessario che tra l’hardware vi sia il TPM 2.0.

Il TPM 2.0 (Trust Platform Module) è un modulo da installare sulla scheda madre che garantisce la crittografia di tutte le password e le informazioni sensibili registrate sul PC.

Evidentemente Microsoft punta molto sulla sicurezza anche se sono già stati diffusi in rete video che spiegano come bypassare questo requisito in assenza del modulo installato/attivato.

La disponibilità di Windows 11 dichiarata è per la fine di quest’anno quindi non ci resta che attendere per vedere quando potremo effettivamente ricevere l’aggiornamento.

Continua a seguirmi anche su Facebook e Telegram